Italia

Sardegna del nord

Ho sempre pensato che il mare della Sardegna potesse essere una meta ideale per una vacanza con i bambini al seguito. Così, per anni ed anni, ho snobbato questa nostra regione rimandando a tempi futuri la mia visita. Ed è stato un peccato perchè è una terra tutta da scoprire, anche zaino in spalla. Una terra che nasconde delle meravigliose spiagge di scoglio e insenature difficili da raggiungere a piedi, figurarsi con un passeggino!
L’anno scorso, finalmente, sembrava essere giunto il momento giusto. Era la prima vacanza ufficiale con Remì, una prova generale sulla nostra capacità di mantenere il nostro spirito viaggiatore anche con la prole al seguito.

Destinazione, Cannigione Arzachena. Il paese si trova poco distante da Olbia, il che lo rende molto comodo da raggiungere via traghetto e poi auto. Piccolo paese, con qualche negozio di artigianato tipico, qualche bottega di alimentari per fare la spesa ed un piccolo lungo mare che la sera si anima di bancarelle dove riusciresti a spendere una fortuna in regali improbabili. Luogo nel complesso gradevole, con tutte le comodità del caso e posizionato strategicamente per poter visitare non solo i luoghi più esclusivi della Costa Smeralda, ma anche tante spiagge meno note, ma non per questo meno splendide.

I miei preferiti a Cannigione Arzachena

Hotel Morisco: nuovissimo albergo della catena Blu Hotel, ampio ed arioso, ben organizzato e con camere abitabili anche con una culla, ciascuna con un piccolo terrazzo o balcone. Piscina utilissima in quei pomeriggi in cui la prole si allunga nel sonnellino. Ottimo ristorante, con un buffet sempre vario e piatti ben cucinati. Infine, l’animazione per i più piccoli non è da sottovalutare per chi viaggia con i bimbi.

Pasticceria Deliza, sulla via principale del paese: un paradiso, ottimi dolci tradizionali e altri prodotti tipici, tipo pane carasau e guttiau. Una tappa fissa per la merenda del pomeriggio! Ma anche per una colazione al mattino…

Tavola Azzurra, Via V.De Gama,14: nella strada pedonale che dalla piazzetta della chiesa scende verso al lungomare, questo ristorante dall’atmosfera decisamente spartana, serve ottimi piatti sia di carne che di pesce. I prezzi sono veramente popolari, anche perchè si mangia su tavoli in plastica con tovaglia, piatto e bicchiere di plastica mentre la folla aspetta per la strada che si liberi un tavolo. Detto questo, è un ristorante dove mangerete sicuramente bene, prova ne è la coda che, d’estate, prosegue anche oltre alle 11 di sera! Fanno anche servizio take-away.

Pizzeria da serafino e giovanni, Viale Normandia, 1: in una contrada della strada principale, serafino e giovanni sfornano ottime pizze, sia a pranzo che a cena. Si possono anche ordinare e portare via. Vivamente consigliato.
 IMG00425-20110726-1127

Le mie spiagge preferite nella Sardegna nord-occidentale

Isuledda: molto vicino a Cannigione, ottima spiaggia di sabbia, non troppo ampia e potrebbe essere affollata ma per noi era perfetta per poter tornare al mare nel pomeriggio, vista la vicinanza all’hotel.
Cala Bitta: spiaggia non molto spaziosa ma incastonata un una piccola baia incantevole. Possibilità di noleggio ombrelloni e bar con vista male utile per uno spuntino per pranzo.
Cala del Faro: una delle spiagge che mi sono piaciute di più, anche perchè poco frequentata. Una piccola insenatura raggiungibile dopo una camminata di strada ben percorribile anche con un passeggino. Un bar sulla collina e qualche albero per ripararsi dall’ombra. I prati delle ville che sorgono intorno alla baia sono aperti a tutti e sono molto comodi per fare un sonnellino all’ombra degli ulivi.
Romazzino: spiaggia abbastanza conosciuta, e quindi, affollata. Ma ha il vantaggio di poter parcheggiare a pochi metri dal mare. La lunga lingua di sabbia è perfetta per una camminata con i piedi nell’acqua.
Capriccioli: due spiagge divise da un promontorio, molto carine e con la spiaggia a sassi piccoli. Meno comodo con il passeggino, ma è un’alternativa valida quando c’è vento forte da est.IMG00428-20110726-1131

Per un aperitivo al tramonto:
Non guardate al portafoglio, verrà ripagato dal panorama che avrete davanti.
– Baja Sardinia: deliziosi bar sulla piazzetta pedonale che affaccia sulla baia
– Poltu Quatu: sembra di essere su un altro pianeta, senza rumori se non quello del mare. Un paradiso da gustare con uno spritz in mano.
– Porto Cervo: il paese sembra finto, tanto è perfetto. I negozi sono inavvicinabili ma ancora passeggiare è gratuito…quindi, vale almeno una visita, secondo me.
– S.Teresa: il vecchio paese arroccato sul promontorio è una meta ideale per una gita nel tardo pomeriggio e le tante taverne nel posto sono una valida alternativa per una cena ricca di gusto e tradizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.