Italia

Pizzoccheri della Valtellina ed il trenino rosso del Bernina

Mare o neve? E’ stato il dilemma delle vacanze di Natale appena passate. Alla fine, ha vinto la seconda. Destinazione Svizzera, cantone dei Grigioni. Prima tappa Tirano, Valtellina. Il nostro mezzo, il treno. Non un semplice treno ma il trenino rosso del Bernina.
Trenino Rosso Bernina
Un’esperienza assolutamente da fare con dei bambini, emozionante per i panorami e gli scorci naturali che regala. Accessibile e facile grazie all’impeccabile efficienza svizzera. E anche molto gustosa: con -10 in media di temperatura esterna, fermarci nei ristoranti e nei bar era un’ottima scusa per assaggiare piatti locali.
Prima tappa Tirano, stazione di partenza del Bernina Express. Essendo in Valtellina, avevo già deciso cosa ordinare per cena quando sono partita da casa: pizzocheri.
Pizzoccheri
Come per molti altri piatti tipici del luogo, è il grano saraceno a dominare questa ricetta, accompagnato da verdure povere (patate e verze) e da abbondante formaggio locale di casera.  Il tutto ben condito da burro, ancora largamente usato nelle cucine di queste zone. Un piatto povero, preparato dai contadini con quello che avevano a disposizione, e che oggi rappresenta uno dei simboli della cucina locale.
Pizzoccheri grano saraceno
La preparazione non è complessa e se non avete i macchinari per fare la pasta in casa, potete sempre ripiegare su quelli secchi che si trovano nello scaffale delle paste speciali. Io ho provato a prepararli seguendo la ricetta originale dell’Accademia del Pizzochero.
Ingredienti (per 4 persone)
400 g di farina di grano saraceno
100 g di farina 00
200 g di burro
250 g di formaggio Casera
200 g di cavolo verza
250 g di patate
uno spicchio di aglio, pepe o Pesteda (se riuscite a trovarla)
Pizzoccheri Valtellina
Preparate i pizzoccheri mescolando le due farine; aggiungete l’acqua ed impastate bene. Ricavate poi delle tagliatelle (a mano o con la macchina per la pasta) che dovranno essere più corte di quelle tradizionali, circa 15cm. Lasciate riposare e seccare.
Nel frattempo pulite la verza e tagliatela a listarelle; tagliate invece le patate a piccoli pezzi. Buttate le verdure in acqua bollente salata e dopo 5 minuti, unite anche i pizzoccheri. Quando saranno cotti, tirarli fuori dall’acqua con una schiumarola e disponete uno strato in una pirofila. Aggiungete il formaggio Casera a tocchetti e proseguite alternando pizzoccheri e formaggio. Infine, sciogliere dolcemente il burro con l’aglio e versatelo poi sui pizzoccheri.
Si servono subito caldi, senza mescolare, con una spolverata di pepe o di Pesteda, un misto di aromi e spezie tipico della Valtellina.Pizzoccheri della Valtellina
Non temete, le bontà svizzere non sono affatto finite qui. Ho tante belle ricette per i prossimi post, ma soprattutto una dettagliata guida sul trenino rosso e su cosa fare e vedere nel Cantone dei Grigioni e St.Moritz.

0 thoughts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.