Italia

Pizza Primavera

Se c’è un piatto che non mi stanco mai, ma proprio mai, di mangiare è la pizza. Non posso far passare una settimana intera senza una cena a base di pizza. Il giorno a lei consacrato è quasi sempre la domenica, quando c’è tempo per fare la pasta e aspettare la lunga lievitazione. E’ la cena domenicale ideale, da mangiare seduti sul divano davanti alla TV. E poi, è un modo come un altro per confortarsi in previsione del lunedì ormai alle porte.

Non amo molto le variazioni sul tema: per me LA pizza è solo Margherita. Al massimo, posso optare per una napoli o per una al gorgonzola e, solo in alcune pizzerie, anche la marinara. Non mi piacciono, in genere, quelle che mischiano troppi ingredienti insieme e che hanno poco a che vedere con la pizza.
A parte una che, al contrario, d’estate mi piace moltissimo e faccio spesso a casa: la pizza che io chiamo “Primavera” con i fiori di zucca e le acciughe.

Leggera ma gustosa grazie alle acciughine che hanno sempre il loro perchè; un buon contrasto tra la delicatezza dei fiori di zucca e il gusto deciso delle alici sott’olio. Un’abbinata ideale, resa cremosa dalla mozzarella filante per un risultato assolutamente perfetto. Ovviamente, sono fondamentali dei fiori di zucca freschissimi, provenienti da coltivazioni bio o da contadini di zona. Per le acciughe, scegliete quelle sott’olio e di ottima qualità, di modo che siano dei bei filetti carnosi.

La pasta per la pizza, la preparo così (dosi per 3 pizze):
250gr di farina (metà 00 e metà Manitoba)
un pizzico di sale
un filo d’olio evo
125ml di acqua
5 gr. di lievito di birra

Lavorare insieme tutti gli ingredienti, avendo cura di sciogliere prima il lievito in una parte dell’acqua. Potete usare la planetaria, la macchia per il pane alla funzione impasto, oppure le vostre mani! Lasciare riposare in frigorifero fino al raddoppio dell’impasto. Trascorso questo tempo, rilavorare la pasta con le mani e farne 3 palline delle stesse dimensioni. Adagiarle sulla placca del forno rivestita con la carta forno e fare rilievitare fino a che non dovrete cucinarle (più riposano, meglio è). Io, in genere, faccio l’impasto la sera, lo lascio lievitare per la prima volta fino al primo pomeriggio, poi lo divido in palline e le stendo la sera per cena.

Potete poi farcirle come credete meglio. A me piace rimanere sul classico, mozzarella e buon pomodoro, ma la versione con i fiori di zucca in estate è una golosa variante. Bisogna pulire bene i fiori, eliminando il pistillo interno senza romperli; vanno poi disposti a raggiera sulla pasta (in genere, ne servono 5/6), intervallate con i filetti di alici e poi ricoperti con la mozzarella. Attenzione a salare poco perchè le acciughe sono già molto saporite e non mancate un giro d’olio prima di infornare.

Se avete una cena estiva in giardino, questi spicchi di pizza possono essere un aperitivo goloso e facile da preparare. Ottima da gustare anche fredda!

Le mie pizze preferite:

Milano: La Piccola Ischia, Via Giuseppe Broggi 15 (zona C.Buenos Aires) sforna la vera pizza in una piazza che ricrea un vero vicolo napoletano. Anche dai Fratelli la Bufala, Viale Sabotino 1 (zona P.Romana) si può gustare un’ottima pizza, insieme a tante altre sfiziosità partenopee.

Firenze: il top è per me enzino del Caffè Italiano, via dell’Isola delle Stinche, 11-rosso (zona S.Croce), la vera pizza napoletata soffice e leggera nelle sole tre varianti classiche; sono ottime anche quella di Pizzamen (vari indizizzi), quelle dello Spera, via della Cernaia 9 (zona Fortezza) e quella del Munaciello, Via Maffia, 31 (zona S.Spitito).

Napoli: vi ho già segnalato i posti cult per la pizza a Napoli…provare per credere!

0 thoughts

  1. Lina Author

    Ciao!
    Grazie mille pre la tua ricetta, in bocca al lupo per il contest 😉

    Baci
    Lina

  2. Francesca Bertolucci Author

    Ciao cara, quando sei a Viareggio fatti portare da Paprika a Lido di Camaiore, ne rimarrai entusiasta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.