Dolci

La Torta di Noci dell’engadina

Proseguiamo il nostro viaggio sul Trenino Rosso del Bernina. Dopo la nostra partenza da Tirano e la prima tappa a St.Moritz, ci siamo sistemati come base nel paese di Pontresina.
Pontresina montagne panorama
Villaggio delizioso, adagiato in una vallata tra montagne innevate, ben collegata alle località vicine sia dall’efficiente rete di autobus dell’engadina, che dai treni. Il paese in sé offre diverse attività: passeggiate in estate e molti percorsi da fondo in inverno, un centro termale con piscina ed una pista di pattinaggio. Uno dei must del luogo, è la passeggiata sulle carrozze trainate dai cavalli nella Val Roseg (che noi non abbiamo potuto fare a causa del tempo). E poi, la cucina locale, che mi ha stupito per la varietà e la bontà dei suoi piatti. Vi ho già parlato qui dei Capnus, una vera scoperta. Un altro piatto che troverete veramente sempre ed ovunque è la zuppa dei grigioni, ovvero, una cremosa 
zuppa rustica a base di orzo perlato, verdure, fagioli e carne secca grigionese a pezzetti (tipo pancetta). Uno dei dolci più rappresentativi della regione, è senza dubbio la “Tuorta de Nusch Engiadinaisa“, ovvero Torta di Noci Engadinese, un guscio di pasta frolla ripieno di noci, creme caramel e miele.
Torta alle noci dell'engadina
Torta di noci engadina
La storia della torta di noci trova origine dai pasticceri grigionesi emigrati, celebri per la loro bravura e spesso espatriati nei vicini paesi europei. Ed è infatti nella francese Tolouse che pare sia nato il “gâteaux aux noix”, proprio ad opera dell’estro di un pasticcere engadino, tale Fausto Pult. Si prepara così:
per la frolla, seguite la ricetta classica fatta con 2 uova, 300gr. di farina, 150 gr di burro e 100 gr. di zucchero (tutto impastato bene a mano e poi lasciato riposare in frigo per un paio di ore)
per il ripieno:
225 gr di zucchero
150 gr di panna
15 gr di miele
225 gr di gherigli di noci tritati grossolanamente
Torta noci engadina
Preparate la frolla e lasciatela riposare in frigorifero. Nel mentre, cuocete lo zucchero in un pentolino antiaderente fino ad ottenere un caramello chiaro. Aggiungete la panna (attenzione perché potrebbe schizzare) e mescolate bene. Aggiungete quindi il miele e le noci ed aspettare che si raffreddi.
Riprendete la frolla e stendetene una metà per rivestire una teglia rotonda da crostata di circa 20 cmq; versate quindi al suo interno l’impasto di noci e caramello, livellare bene e ricoprire con l’altra parte di frolla. Punzecchiare delicatamente con una forchetta per evitare che nella cottura si formino le bolle d’aria.
Infornare per circa 30 minuti a 180°C, controllando via via la cottura. Servire quando sarà completamente fredda, meglio se con un ciuffo di panna montata o una pallina di gelato al fiordilatte.
Torta noci e miele engadina

Leggi qui e qui i miei racconti a bordo del Bernina Express ed i miei consigli di viaggio per l’Engadina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.