Cina

Il Pollo con le Mandorle

Domenica prossima parto per la Cina.
Un nuovo viaggio di lavoro, il solito tour per la fiera più grande del mondo, il solito ritmo frenetico con la giornata che inizia alle 8:00 con una pessima colazione all’hotel e non si conclude mai prima di mezzanotte dopo una lunga cena di lavoro.
Una settimana in cui si è davvero in un “altro mondo”, e non solo fisicamente.

Ma non è tutto così negativo, alcuni momenti positivi ci sono: ad esempio, poter acquistare un set di coltelli di ceramica per poco meno di 50 dollari, poter scovare una perfetta copia di una Balenciaga per 30 dollari e, soprattutto, le cene nei ristoranti Hong Kong. Quest’anno, posso aggiungere anche un alto punto: poter dormire una notte tutta di fila (dopo 16 mesi di nottate interrotte, vi assicuro, non è un aspetto di secondaria importanza!).

La cena prima della partenza per il ritorno in Italia è ormai un appuntamento fisso: Ristorante Isola, roof terrace del IFC Centre, Hong Kong Central. Ristorante meraviglioso, una terrazza sulla baia dalle migliaia di luci di Hong Kong, cucina di ispirazione italiana ma con un menu internazionale, un’ottima carta dei vini, meravigliosi dessert. Un bel modo per concludere una settimana decisamente impegnativa e prepararsi al volo di rientro.

Così ieri sera, pensando alla Cina, ho preparato il classico pollo alle mandorle, semplice e veloce, ma sempre una valida alternativa al solito polletto visto e rivisto.
A me piace prepararlo con i petti del pollo, tagliati a piccole striscioline. Volendo, si possono utilizzare anche i petti interi tagliati a tocchetti più grossi, oppure le cosce disossate da fare a piccoli pezzettini.

Ecco come si prepara (per due persone):
250gr di petto di pollo
2 o 3 cucchiai di mandorle intere
una costa di sedano
olio ev e brodo vegetale
un pò di farina
salsa di soia

Tagliare il pollo a striscioline e passarlo nella farina. Dopo averlo sgrondato bene della farina in eccesso, metterlo a rosolare a fuoco vivo in una padella con un pò di olio dove avrete precedentemente fatto saltare il sedano tagliato finemente. Far imbiondire bene ed aggiungere le mandorle; bagnare con la salsa di soia (a vostro gusto, a me piace molto, per cui abbondo) ed aggiungere del brodo se il sugo è troppo ristretto. Si deve formare una cremina densa e vellutata. Si serve da solo o accompagnato con del riso al vapore. Attenzione a non salare il pollo perché la salsa di soia e già salata…altrimenti, sarà immangiabile!!

Leggi qui i miei consigli di viaggio su Hong Kong.

0 thoughts

  1. Marco FABBRI Author

    Credo che ad Hong Kong non si mangi più “cinese” (ma quale cucina, poi: ne hanno di così diverse che tengono il confronto con l’Italia…) oramai da decenni.
    Ma è l’impressione di uno che ha mangiato nelle bettole operaie di Pechino e Shanghai, tra i vapori dei pentoloni di zuppe, ha degustato l’anatra laccata nei ristoranti riservati ai cinesi della classe benestante, ha assaporato i piatti espressi (gli spaghetti li tiravano al momento in cui li ordinavi…) preparati dai risto-risciò che sbucano al tramonto nelle traverse delle illuminatissime vie commerciali della zona del Bund, ma che ha fatto tutto questo 20 anni fa, quando il riso “alla Cantonese”, da quelle parti lo si mangiava solo nei ristoranti internazionali (dato che è un piatto importato in Cina…).
    Bon appetit… 😉

    • Ciao marco…beh, in effetti hai ragione, i ristoranti di HK sono tutto fuorchè “cinesi”…però ti assicuro che dopo una settimana di fiera sedersi in un bel ristorante e poter mangiare una pizza o un piatto di pasta fatto come si deve è un bel sollievo!!!
      Il mio piatto preferito quando sono in fiera a canton sono i noodles della mensa sotterranea della fiera…credimi che bisogna prima tapparsi gli occhi e non pensare…ma alla fine sono buoni!!!

  2. Paola Author

    devi provare il nuovo ristorante del gruppo Joia :http://www.gaiagroup.com.hk/joia molto meglio dell’Isola adesso .
    Negli ultimi anni hanno perso qualche colpo … anche se la vista è impareggiabile e quella nessuno può toglierla …

  3. camilla Author

    no vabbè adoro il pollo alle mandorle!
    io non sono tanto brava in cucina..ma sono una grande esperta di vini!
    ti posso suggerire un bel rosso corposo Santa Cristina da abbinarci!
    ciao
    bel blog, ti seguo!

    • Grazie Camilla! …beh, questo pollo alle mandorle e’ veramente semplice: provalo, vedrai com’e’ facile!
      Ottimo suggerimento del vino…sto proprio in questi giorni pensando ad una nuova ricetta per il rosato Cipresseto di S.Cristina…presto sul blog, stay tuned!!!
      ;-)))

  4. noooo i coltelli di ceramica!!! certe tradizioni non muoiono mai :)))))

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.