Italia

I Love Peperoni

Io adoro la peperonata. E’ una di quelle cose di cui potrei letteralmente finire una pentola con la sola compagnia di una baguette a far da scarpetta! Aspetto a gloria che l’estate porti quei peperoni così saporiti e colorati. Metterli in pentola e trasformarli in questa bontà è quanto di più semplice e magico.

20130901-154422.jpg
Quando siamo venuti via dalla Maremma due settimane fa, ci siamo fermati a fare la spesa Km0 da contadini che si trovano per strada e che vendono i frutti freschissimi della loro terra. Tra le varie ceste, colorate e profumate, ecco dei piccoli peperoni, il cui profumo riempiva l’aria circostante. Ovviamente, non ho resistito. Ne ho comprati una bella scorta per preparare una peperonata appena arrivata a casa!

Si prepara così:
considerate una mezza cipolla bianca per ogni 150gr. di peperoni. Io uso solo peperoni rossi e gialli, al massimo uno solo verde giusto per dare colore perché hanno un retrogusto più amaro.
Lavate bene i peperoni eliminando tutti e semi e le venature bianche interne e tagliateli a striscioline. Affettate la cipolla e mettete tutto in una pentola di ghisa con un abbondante fondo di olio extravergine.
Peperonata
Avviate la cottura a fuoco lento, allungado con un pò di brodo vegetale. Coprire con il coperchio e lasciare cuicere piano piano. La peperonata e’ pronta quando inizia a disfarsi e prende un aspetto “colloso”. Gli ultimi 10 minuti lasciatela scoperta, in modo che evapori e si addensi il liquido della pentola. Io non uso pomodoro, preferisco farla in bianco; se vi piace potete aggiungere dei pezzi di pomodori san marzano insieme alle altre verdure.
Peperonata in pot

Come ri-utilizzare la peperonata:

Una delle mie preparazioni preferite sono gli spaghettini con crema di peperoni e bufala (ottimi anche con della burrata o stracciatella fresca). Basta frullare la peperonata con il pimer nel mentre che cuoce la pasta, poi la scolate e la condite con la crema in una zuppiera. Per finire, cospargete con bufala tagliata a piccoli pezzi; girate solo al momento di servire: con il calore degli spaghetti la mozzarella filerà un pochino ed il suo latte formerà una cremina molto gustosa.

Un’altra alternativa, è la schiacciata ripiena di peperonata e scamorza: davvero golosa e perfetta anche per aperitivo se tagliata a piccoli pezzi con il loro stecchino. Aprite la schiacciata a libro (meglio se alta almeno 1cm e mezzo), ricoprite le due metà con la peperonata e premete leggermente con la forchetta in modo che i peperoni si sciolgano un pò ed il sugo vada a bagnare la pasta. Sul lato inferiore, disponete delle fettine di scamorza affumicata tagliata sottile, ricoprite con l’altra metà e passatela  per qualche minuto alla piastra doppia, oppure in forno.
schiacciata con Peperonata

Va da se che la frittata con i peperoni è divina (non vi sto a dire la ricetta, basta fare una normalissima frittata ed aggiungere del pecorino grattugiato per dare maggior sapore). Ugualmente, se amalgamate la peperonataben scolata con un uovo e mettete il composto in degli sampini, otterrete in poco tempo dei piccoli timballi ai peperoni che saranno non solo carinissimi da vedere, ma ottimi da gustare! Potete decorare con una salsa al parmigiano per avere un antipasto da chef con  il minimo sforzo.

Infine, una versione che ho rielaborato di una ricetta della mamma di una mia cara amica, le farfalle impazzite ai peperoni e porcini: non so da cosa derivi il nome, ma trattasi di un sugo ai peperoni con l’agiunta dei funghi secchi. Basta ripassare in padella la vostra peperonata avanzata, aggiungere i funghi secchi fatti rinvenire in acqua, e lasciare cuocere allungando con l’acqua dei funghi filtrata per aumentarne il sapore. Quando le farfalle saranno cotte, farle saltare bene in padella con l’aggiunta di un goccio di panna (che io non amo usare, ma in questo caso ci sta davvero bene!).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.